Questo sito utilizza cookie per migliorare la navigazione degli utenti e per le statistiche del sito. Per dettagli e per la gestione dei cookie in base al GDPR 2016/679, consulta la nostra cookie e privacy policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

dona ora funima international

our voice


Our Voice
è un Movimento Culturale Internazionale composto da giovani di diverse parti del mondo e aperto a tutti coloro che possiedono gli stessi ideali di cui si fa portavoce.
Attraverso ogni tipo di mezzo comunicativo, artistico e sociale denunciano le ingiustizie che attualmente affliggono lo nostra società (quali mafia, corruzione, spaccio di droghe e armi, inquinamento, povertà, e qualunque tipo di violenza) che come catene invisibili collegate l'una all'altra, e che fanno capo ad un solo potere criminale.

Questo movimento è la voce dei giovani per i giovani e sta coinvolgendo giovani di ogni età che a loro volta si sono attivati nei loro territori.
Si evince un progressivo saldarsi nei giovani, nei lettori, negli studenti con cui abbiamo interagito dei valori di conoscenza, responsabilità e giustizia che sono tre dimensioni inestricabilmente legate. In alcuni casi quest’inedita esperienza di collaborazione ha suscitato comportamenti consapevoli come l’impegno volontario di alcuni giovani nella redazione giornalistica, l’impegno in altre organizzazioni di volontariato o movimenti per la cittadinanza attiva, lo specializzarsi ed il replicare le esperienze proposte nel proprio comune o nella propria scuola, l’avvicinamento al volontariato internazionale riconoscendo quindi la dimensione mondiale del problema legalità, per riscrivere insieme una cultura della pace e delle democrazia.

Nel corso del 2018 il movimento si è espanso creando nuovi gruppi operativi in varie regioni di Italia: Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana e Sicilia in Italia e in Latino America a Montevideo in Uruguay, ad Asunciòn in Paraguay, a Rosario, Salta, Ushuaia, Santa Cruz e Campana in Argentina. Vi è stato un aumento rispetto al 2017 di incontri nelle scuole e spettacoli teatrali nelle piazze, partecipazioni a trasmissioni radiofoniche e a manifestazioni e cortei di denuncia e promozione della pace e dei diritti umani.