Questo sito utilizza cookie per migliorare la navigazione degli utenti e per le statistiche del sito. Per dettagli e per la gestione dei cookie in base al GDPR 2016/679, consulta la nostra cookie e privacy policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

dona ora funima international

0624 giornalista alcarazSi occupava del traffico di droga nella regione
La mafia internazionale torna a colpire. Lo scorso 16 maggio, nella città di Pedro Juan Caballero al confine con il Brasile, due sicari a bordo di una motocicletta hanno ucciso il giornalista 28enne di Radio Amambay, Fausto Gabriel Alcaraz (in foto).

Da tempo si occupava del traffico di droga nella regione. Aveva ultimato la propria trasmissione e stava tornando a casa quando i due killer sono entrati in azione. Non è la prima volta che un caso del genere accade in Paraguay.

Nella stessa città, ad esempio, era stato ucciso nel 2013 il collega Marcelino Vasquez. Un Paese, quello paraguayano, che è crocevia al pari della Colombia, dell'Ecuador, della Bolivia in particolare per il traffico della cocaina. Un business, quello della droga, che in occidente è nelle mani della 'Ndrangheta che, anche se non entra direttamente in questo specifico omicidio, ha una parte di responsabilità in quanto leader del narcotraffico internazionale. Le denunce, la forza delle parole, la vera informazione, fanno paura alle criminalità organizzate che vogliono rimanere celate nell'ombra ed è per questo motivo che si arriva al punto di uccidere. Come colleghi non possiamo che essere vicini alla famiglia di Fausto Gabriel Alcaraz, e ricorderemo sicuramente il suo sacrificio nel nome della giustizia e della verità.

A cura di Giorgio Bongiovanni
Fonte: antimafiaduemila.com

 

funima diventa amico di funima

funima libro granvia

funima banca etica

funima 5 per mille