Questo sito utilizza cookie per migliorare la navigazione degli utenti e per le statistiche del sito. Per dettagli e per la gestione dei cookie in base al GDPR 2016/679, consulta la nostra cookie e privacy policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

dona ora funima international

Dal mondo

noppaw_logo.jpgSi è concluso a Dakar il seminario di studio e confronto sulla Campagna Noppaw, per assegnare il Premio Nobel per la Pace 2011 alle donne africane. 
 
Guido Barbera (Solidarietà e Cooperazione Cipsi): "Le prossime tappe: oltre all'impegno per la raccolta delle firme di adesione all'appello, con l'obiettivo di raggiungere 2.000.000 di adesioni (www.noppaw.org), è prevista una carovana dal Sud Africa a Stoccolma, toccando tutti i paesi d'Africa e d'Europa; un'altra carovana di donne che toccherà tutte le regioni del Senegal. E ancora: un evento internazionale a marzo del 2011 a Bruxelles, in occasione della Festa della donna, seminari e forum internazionali diffusi".


g_barbera.jpgIl presidente Guido Barbera scrive una lettera aperta: "Ci siamo confrontati con grandi cambiamenti mondiali, il disinteresse politico, la storia, e abbiamo superato difficoltà e ostacoli. In questi venticinque anni abbiamo proposto una cultura della cooperazione oltre i bisogni, ripartendo dalle relazioni tra i popoli e le persone. Abbiamo cercato di dare voce ai diritti, facendo parlare l’acqua, l’Africa, le donne, le esperienze, le storie, le culture altre".
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

giorgio_bongiovanni.jpg
 
Pordenone, 21 settembre – Giorgio Bongiovanni, Fondatore della onlus Funima International: “Il Giorno della Pace nel Mondo…questo è il forte desiderio di tutti noi: la pace, al di sopra delle frontiere.
 
 
 
 
 
  

army_technology--.jpgMercoledì, 15 Settembre 2010. L'Italia si è attestata anche nel 2009 tra i cinque maggiori fornitori internazionali di armamenti convenzionali e le sue esportazioni sono state dirette principalmente ai Paesi in via di sviluppo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  

alex_zanotell-2i.jpg14 settembre 2010 - La cittadinanza attiva italiana ha ottenuto una straordinaria vittoria raccogliendo un milione e quattrocentomila firme per chiedere un referendum contro la privatizzazione dell'acqua (Legge Ronchi,19 novembre 2009). Questo grazie a una straordinaria convergenza di forze sociali che vanno da associazioni laiche come Arci o Mani Tese, o cattoliche come Agesci o Acli, da sindacati, da movimenti come NO TAV o NO Dal Molin, da reti come Lilliput o Assobotteghe.... In nessun referendum si era mai visto un tale schieramento di forze sociali così trasversali, che hanno trovato poi la capacità di organizzarsi a livello locale, provinciale, regionale. E' stata l'acqua, fonte della vita, che ha riunito in unità la cittadinanza attiva. E' fondamentale notare che tutto questo è avvenuto senza l'appoggio dei partiti, senza soldi e senza la grande stampa. I partiti al governo ci hanno attaccato pesantemente (le dure dichiarazioni di Ronchi e Tremonti), mentre i partiti dell'opposizione presenti in Parlamento (PD e IDV) ci hanno remato contro.

 

gli scritti del presidente

Seguici su Facebook

funima libro granvia

funima diventa amico di funima