Questo sito utilizza cookie per migliorare la navigazione degli utenti e per le statistiche del sito. Per dettagli e per la gestione dei cookie in base al GDPR 2016/679, consulta la nostra cookie e privacy policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

dona ora funima international

18, 19 luglio - Incontro Funima International (Bagheria - PA) e presidio in Via D'Amelio

bagheria_locandina.jpgUNA VITA SPESA PER AMORE

"Perché non è fuggito, perché ha accettato questa tremenda situazione, perché mai si è turbato, perché è sempre pronto a rispondere a chiunque della speranza che era in lui?
Per amore!
La sua vita è stato un atto di amore verso questa città, verso questa terra che lo ha generato, che tanto non gli piaceva. Perché se l'amore è essenzialmente dare, per lui, per coloro che gli siamo stati accanto in questa meravigliosa avventura, amore verso Palermo e la sua gente ha avuto ed ha significato di dare a questa terra qualcosa, tutto ciò che era ed è possibile dare delle nostre forze morali, intellettuali e professionali per rendere migliore questa città e la Patria cui essa stessa appartiene" .
 
 
Questo lo spirito che ha dato vita a diverse iniziative nel palermitano che hanno goduto del contributo di Giorgio Bongiovanni e della partecipazione della nostra Onlus.  Iniziative facenti parte del calendario di eventi organizzati dai ragazzi del gruppo 19luglio1992 in collaborazione con la redazione ANTIMAFIDuemila in memoria della strage di Via D'Amelio e ad un'iniziativa della onlus Funima International, di cui è fondatore.

bagheria_2010.jpgA Villa Casaurro, nei locali dell'associazione Giuseppe Bagnera di  Bagheria (PA), è stata ospitata  "An evening for children of peace. Solidarietà e Diritti", serata di beneficenza dedicata ad aiutare i bambini bisognosi del Latino America grazie ai progetti dell'associazione Funima International ."An evening for children of peace" ha aperto le porte della città di Bagheria alla Onlus impegnata da oltre cinque anni nel campo della solidarietà internazionale e della cooperazione in difesa dei diritti dell'uomo. L'evento nasce dalla volontà e dall'entusiasmo che anima la collaboratrice Angela Cenacchi, la quale ha deciso di invitare la sua cittadina a questo momento di confronto e di riflessione sui diritti negati nel mondo e sulle proposte di intervento possibili attraverso un'azione solidale che sia motore di idee, di una nuova coscienza e soprattutto di azioni concrete per il bene comune. Sarà il Presidente Mara Testasecca a compiere un excursus di quella che è stata la storia dell'associazione che muove i suoi passi dal 25 maggio 2005 e che sino ad oggi è ampiamente intervenuta su realtà di disagio sociale e ambientale, su realtà di emarginazione e di sofferenza. Grazie all'impegno di ciascuno Funima si espande a macchia d'olio a partire dalle Ande Argentine fino alle strade delle capitali uruguaiane e paraguaiane, ma Funima International è anche presenza viva sul territorio nazionale per portare avanti campagne di sensibilizzazione dell'opinione pubblica e progetti sociali. Come afferma la stessa Angela Cenacchi "Bagheria è una città che amo sento un legame fortissimo con questa gente, voglio aiutare i bambini delle Ande ma il mio obiettivo finale, il mio sogno più grande è quello di aiutare i bambini bagheresi in questa realtà sociale dove i problemi di disagio e di abbandono legati all'infanzia e bagheria_2010-stand.jpgalla mancanza di cultura sono all'ordine del giorno". Giorgio Bongiovanni, nel corso del suo intervento non esclude una possibile opera da parte di Funima in questa città, sottolineando l'importanza che i protagonisti di questa devono sempre essere uniti non soltanto nell'azione ma anche nell'ideale che deve sempre allontanare dal compromesso. Un'azione sempre limpida che va a braccetto con la lotta alla mafia, ai poteri che rappresentano la causa principale delle disparità economiche e sociali nel mondo. È una lotta che  deve incidere sulle radici  stesse del male, del fenomeno mafioso, della cultura e delle azioni quotidiane del singolo.

E per questo desideriamo ringraziare di cuore questa donna dal grande carisma e forza interiore. L'incontro, la condivisione, l'unione che si è creata ci porterà a compiere importanti opere insieme. Una vita spesa per amore.

palermo_2010.jpgE ne vedremo delle altre di vite che il 19luglio si sono strette attorno all'Ulivo di Via D'Amelio per commemorare la strage che il 19 luglio 1992 uccise il giudice Paolo Borsellino, servitore dello Stato che morì insieme agli uomini della sua scorta. In mano tutti stringono un'agenda rossa, il colore del sangue di vite spezzate, della passione pulsante, di un ideale indelebile nel cuore di tutti coloro che, grazie a Paolo Borsellino, continuano a lottare per la giustizia, per la verità e che continuano a far sentire il proprio grido di resistenza contro l'oblio, contro l'indifferenza, l'assuefazione e l'ipocrisia.

Con quelle Agende Rosse nell'ora della strage, quando è calato il silenzio ciascuno di noi ha potuto sentire battere forte il proprio cuore e, nel battito del cuore degli altri, ha riconosciuto il battito del cuore di Paolo e dei suoi ragazzi. Scende il silenzio in Via D'Amelio sovrastata dal castello Utveggio, sul monte Pellegrino. Sembra un luogo a sé dove il tempo si è fermato a quel 19 luglio, dove il dolore cerca il suo riscatto, dove il frastuono del traffico che la circonda continua a scorrere indisturbato, indifferente, dove le case ancora segnate da quell'esplosione immane restano chiuse, cieche come coloro che, testimoni della storia, preferiscono non vedere, preferiscono tacere senza cercare la luce della parola e della verità.

E intanto i giusti mai demordono e non sono soli, migliaia di persone da tutta Italia sono lì intorno a loro. Marco Bertelli, stretto collaboratore di Salvatore Borsellino, li presenta ad uno ad uno a partire da Giorgio Bongiovanni. Ringrazia la redazione ANTIMAFIADuemila, che da più di dieci anni sta lottando e che è collaboratrice immancabile per la realizzazione di questi eventi che abbracciano le giornate del 17, 18 e 19 luglio di ogni anno. Basti pensare all'annuale conferenza di richiamo che quest'anno si è tenuta presso la facoltà di Giurisprudenza dove si è formato lo stesso Paolo, dal titolo "Sistemi Criminali, Quanto sono ‘deviati' gli apparati dello stato".

Giorgio in Via D'Amelio ricorda Paolo Borsellino dando spunti sull'universalità del valore che l'ha portato a dare la vita per la giustizia, cita alcune riflessioni che dettano la lungimiranza che ha avuto quest'uomo nel saper leggere gli intrighi di un'Italia ammanicata con il potere mafioso e con emozione dedica a Paolo una citazione che egli stesso aveva scritto per l'amico Giovanni Falcone "Se egli è morto nella carne oggi è vivo nello spirito come la fede ci insegna, le nostre coscienze se non si sono svegliate debbono svegliarsi dimostrando a noi stessi al mondo che Falcone è vivo" e anche Paolo è vivo, aggiungerà Giorgio. Marco Bertelli continua a moderare gli interventi chiamando a uno a uno i "compagni di viaggio" in questa lotta, si palermo_2010_giorgiob.jpgsusseguono giovani impegnati, artisti fino ai fratelli di Paolo, Rita e Salvatore Borsellino che per prima cosa fa sentire ancora una volta il suo dissenso verso le passerelle politiche in questa giornata: "Finalmente i politici hanno capito che prima di venire qui devono chiedere il permesso - ha esordito Salvatore Borsellino rivolto al popolo delle agende rosse. - Questa strada è sacra ed è nostra, e dobbiamo urlare per Paolo, Agostino, Emanuela, Claudio, Vincenzo e Walter". Non smetterà mai di urlare Salvatore per richiedere giustizia e verità, per arrivare ai mandanti esterni delle stragi, la sola condizione necessaria affinché possa placarsi il grande dolore, affinché "siano dissipate le tenebre" e possa così nascere quel processo di rinnovamento culturale e morale invocato dallo stesso Paolo come unico antidoto per sconfiggere definitivamente il sistema mafioso e riappropriarci del fresco profumo della vera libertà. E così al grido "Resistenza, Resistenza!" parte il corteo, un fiume di agende rosse che da via D'Amelio scorre in piena dall'olivo di Via D'Amelio per arrivare all'albero Falcone in Via Notarbartolo in ricordo a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e i ragazzi della loro scorta Antonino Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani.

Come un albero anche quest'opera di giustizia affonda le proprie radici profonde nella terra e cresce inesorabilmente grazie alla linfa vitale dell'amore, amore che la rende forte, vigorosa, viva di una linfa inesauribile alimentata dalla passione di chi si impegna a renderla migliore e inevitabilmente la terra vedrà i frutti rigogliosi del rinnovamento.

Grazie.
 
Barbara Drago
Palermo 21 luglio 2010
fShare
0

funima diventa amico di funima

funima libro granvia

funima banca etica

funima 5 per mille