Questo sito utilizza cookie per migliorare la navigazione degli utenti e per le statistiche del sito. Per dettagli e per la gestione dei cookie in base al GDPR 2016/679, consulta la nostra cookie e privacy policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

dona ora funima international

TRIP TO ARGENTINA è il titolo scelto per la documentazione prodotta dal gruppo di volontari di FUNIMA International realizzata nel viaggio di Novembre 2018 nei territori delle Ande argentine insieme alla fondazione locale "Fundacion los niños de San Juan".

I volontari partiti insieme al presidente Giovanni Bongiovanni sono: Sonia De Marco e il figlio di 12 anni Maurice, Gabriele Monacelli, Claudia Marsili, Riccardo Bertinelli, Sara Tomarelli, Luigi Benedetti e Francesca Fofi collaboratori del gruppo operativo Funima Gubbio.

DOCUMENTARIO

“TRIP TO ARGENTINA” è il documentario realizzato da Giovanni Bongiovanni che documenta la situazione locale che da molti anni l’organizzazione sostiene a favore delle comunità native delle Ande argentine.
Le attività progettuali vengono realizzate in collaborazione con il partner locale, la Fundacion Los Niños de San Juan e riguardano la distribuzione di beni di prima necessita alle famiglie per fronteggiare le emergenze, il sostegno alla genitorialità e la realizzazione di strutture permanenti; progetto Idrico Mama Cocha e Centro Sanitario El Palomar, che sono alcuni dei progetti in corso.

La regione di Salta, a nord dell'Argentina nella località definita la “puna saltena”, è un luogo di passaggio per attraversare il confine o visitare come turisti per le meraviglie che il paesaggio naturale offre. In questo luogo, vivono centinaia di famiglie in condizioni di povertà estrema, scarsità di cibo e acqua, mancanza di infrastrutture e servizi. Un luogo dimenticato dove l'unica presenza è quella delle industrie minerarie per lo sfruttamento delle risorse. In questi luoghi FUNIMA International offre assistenza alle comunità e si impegna nella realizzazione di progetti volti al miglioramento della qualità della vita, con un'attenzione particolare all'educazione e al mantenimento delle origini culturali della popolazione.

Il viaggio è dedicato all'attivista italiano Vittorio Arrigoni ucciso a Gaza nell'Aprile del 2011. Min 23


VIDEO-DIARIO
Nella pagina dedicata interamente alla documentazione video del viaggio "Trip to Argentina" potete trovare il video-diario giorno per giorno.
Leggi tutto (a breve in linea)


DIARI E RACCONTI

Diario di Giovanni Bongiovanni
ARGENTINA (I parte). La visione dell'olocausto e la rinascita delle comunità nativetriptoar01b ista01

Buenos Aires. Dal finestrino del bus osserviamo l'esterno e non possiamo fare a meno di notare l’immenso divario tra il centro della capitale, fatto di altissimi palazzi a specchio, e ciò che vediamo oltrepassando la ferrovia che costeggia la zona ricca. Milioni di case diroccate accatastate l'un l'altra, sembra di essere in un film di fantascienza, proiettati in un futuro che mostra il nostro pianeta dopo l'olocausto.
I ricchi dividono la città spaccandola in due e innalzando mura tra chi è contagiato e chi ancora non ha contratto il virus. Man mano che ci allontaniamo l'immagine di questa situazione si normalizza, e tutto quanto riprende una dimensione quasi accettabile. Leggi tutto

 
triptoar02ARGENTINA (II parte). La Dea dell'Acqua è il cuore del progetto
“Quando mio figlio ha il necessario per me non è apposto così, sono egoista se non penso anche a chi non lo ha”.“Per me e la mia famiglia ho giusto il necessario e a volte neanche quello, ma ugualmente condividiamo ciò che abbiamo dedicandoci continuamente al prossimo, i miei figli lo sanno perché sono cresciuti così. Poi però veniamo ricompensati due volte tanto. Sempre la vita mi ha aiutato in questo”.“Sentire la sofferenza degli altri come nostra ci aiuta nella nostra evoluzione. Tutti dovremmo sentirci famiglia perché abitanti dello stesso pianeta. L'egoismo è il peggiore dei mali della nostra umanità! Insieme alla pigrizia, mai essere pigri e aspettare che gli altri facciano ciò che noi possiamo fare oggi. Quando vedo che posso fare qualcosa non aspetto gli altri che lo fanno pensando che dovrebbe essere compito loro. Vado e lo faccio io perché Dio mi sta dando l'opportunità di farlo nel momento in cui mi rendo conto che questa cosa deve essere fatta e che potrei farla io. Sarebbe un grandissimo peccato restare fermi ad aspettare”“Bisogna fare ogni giorno e mai rimandare a domani. È un lavoro che dobbiamo fare con noi stessi quello di superare i limiti umani ed elevare il nostro spirito che ordina alla materia, al nostro corpo di fare, di lottare in ciò in cui crediamo e soprattutto in ciò che la coscienza ci dice sia giusto fare senza ascoltare la nostra mente, che spesso ci mente, ma il cuore no. Quando si muovono azioni che vengono dal cuore con altruismo le nostre saranno sempre scelte giuste. Iniziamo a sbagliare quando muoviamo scelte solo fine a noi stessi.”
Queste parole dissetano il nostro spirito più di ogni cosa... Leggi tutto

andeselvagge01ARGENTINA (III parte). Nelle Ande selvagge
Dopo pochi minuti siamo già nelle Ande selvagge, il primo percorso è stretto, poi la strada inizia ad aprirsi e intorno a noi il nulla, ma il nulla più presente e maestoso che si possa percepire.
Montagne sovrastano gli altopiani in cui viaggiamo, su una strada di terra polverosa e pietre, a tratti più scorrevole, a tratti quasi impraticabile. La terra ha tutte le gradazioni del color sabbia, a tratti giallo, a tratti marrone e rosso. Osserviamo la meraviglia di una giornata splendente e un sole accecante.
Poi arrivano loro.. nel volto di ogni bambino rivedo quello di mia figlia. Mentre assisto ognuno di loro, porto loro le scarpette e spolvero i loro piedi prima di indossare le scarpe, penso ad Amira. Come fossero i suoi piedi, come fosse il suo volto quello che si gira di scatto con gli occhi chiusi dopo che il vento con violenza ci accieca gettando terra e polvere nei nostri occhi. Sbattono le sopracciglia coprendosi come possono e poi li riaprono. Come fosse la sua testolina quella che accarezzo, come fosse il suo corpo che arriva tremante dal freddo, la sua pelle quella rovinata.
Le Ande selvagge ti restano sulla pelle come un tatuaggio per tutta la vita. Fanno male, ma volevi farlo a tutti i costi, perché ne sentivi il bisogno... Leggi tutto

...a breve la publicazione delle parti successive del diario...

Racconto della volontaria Claudia Marsili
a breve in linea

Intervista alla volontaria Francesca Fofi
a breve in linea


EVENTO - Racconto del viaggio TRIP TO ARGENTINA
Evento organizzato dall'associazione per ascoltare il racconto del viaggio Trip to Argentina. Relatori Giovanni Bongiovanni, Sonia De Marco, Claudia Marsili, Francesca Fofi e con gli interventi direttamente dall'argentina di Giorgio Bongiovanni e Sonia Tabita Bongiovanni.



ARTICOLI DI GIORNALE
Il quotidiano il Resto del Carlino dedica una pagina al nostro viaggio, prima della partenza. Sabato 27 Ottobre.

carlino argentina1

funima diventa amico di funima

funima libro granvia

funima banca etica

funima 5 per mille